Element Logo
PRIVACY

DPO

Data Protection Officer per la Privacy

Edit Content

Richiedi una Consulenza

Ti offriamo 20 minuti di consulenza telefonica gratuita e senza impegno per rispondere alle tue domande sulla privacy nella tua azienda.


    DPO esterno per il GDPR

    L’introduzione del Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) ha portato all’aumento della domanda di Responsabili della Protezione dei Dati (DPO).

    La sua responsabilità principale è quella di osservare, valutare e organizzare la gestione del trattamento di dati personali (e dunque la loro protezione) all’interno di un’organizzazione (sia essa pubblica che privata), affinché questi siano trattati nel rispetto della normativa.

    I DPO sono responsabili del monitoraggio della conformità dell’organizzazione per la quale lavorano, danno consigli e linee guida relativi agli obblighi di protezione dei dati e svolgono il ruolo di punto di contatto tra gli interessati e l’autorità di controllo competente.

    Pertanto, il DPO è un consulente esperto che va ad affiancare il titolare nella gestione delle problematiche del trattamento dei dati personali, in tal modo garantendo che un soggetto qualificato si occupi della materia, aggiornandosi sui rischi e le misure di sicurezza, in considerazione della crescente importanza e complessità del settore. 

    Il Garante Italiano ha precisato che non esiste alcun obbligo di nominare quale DPO dei soggetti che abbiano attestati o partecipazioni a corsi di formazione,  né esiste alcun albo professionale, quanto piuttosto necessita l’approfondita conoscenza della normativa e delle prassi in materia di privacy, nonché delle norme e delle procedure amministrative che caratterizzano lo specifico settore di riferimento. Secondo l’autorità italiana di controllo è opportuno privilegiare soggetti che dimostrino qualità professionali adeguate alla complessità del compito da svolgere, casomai con esperienze di master o corsi di studio. 

    Il ruolo e le responsabilità del DPO

    Il responsabile della protezione dei dati riporta direttamente alla dirigenza, e svolge i seguenti compiti:

    • Informare e consigliare l’organizzazione ed i suoi dipendenti circa gli obblighi di protezione dei dati ai sensi del GDPR;
    • Monitorare la conformità dell’organizzazione al Regolamento ed alle policy e procedure interne in materia di protezione dei dati, assegnando delle responsabilità e della formazione del personale coinvolto nelle operazioni di trattamento dei dati;
    • Fornire consulenza sulla necessità o meno di eseguire valutazioni d’impatto sulla protezione dei dati (DPIA), come eseguirle e quali risultati aspettarsi;
    • Essere un punto di contatto per l’autorità di controllo per tutte le questioni inerenti alla protezione dei dati, come la segnalazione di violazioni dei dati nonché per le richieste di accesso dei dati personali.

     

    Ma quindi, devo nominare un DPO?

    La nomina del DPO è obbligatoria solo in tre situazioni:

    • Quando l’organizzazione è un ente o organismo pubblico;
    • Quando le attività principali dell’organizzazione consistono in operazioni di trattamento dei dati che richiedono un monitoraggio regolare e sistematico degli interessati su larga scala;
    • Quando le attività principali dell’organizzazione consistono in trattamenti su larga scala di categorie speciali di dati e/o dati relativi a condanne penali e reati.

    Anche laddove il GDPR non richieda specificatamente la nomina di un responsabile della protezione dei dati, la sua nomina è consigliata come una buona prassi per dimostrare la conformità al Regolamento.

    Secondo quanto dichiarato dall’Autorità Garanti nelle FAQ  del maggio 2021 sono tenuti alla nomina DPO: concessionari di servizi pubblici (trasporto pubblico locale, raccolta dei rifiuti, gestione dei servizi idrici ecc.), istituti di credito; imprese assicurative; sistemi di informazione creditizia; società finanziarie; società di informazioni commerciali; società di revisione contabile; società di recupero crediti; istituti di vigilanza; partiti e movimenti politici; sindacati; caf e patronati; società operanti nel settore delle utilities (telecomunicazioni, distribuzione di energia elettrica o gas, ecc.); imprese di somministrazione di lavoro e ricerca del personale; società operanti nel settore della cura della salute, della prevenzione/diagnostica sanitaria quali ospedali privati, terme, laboratori di analisi mediche e centri di riabilitazione; società di call center; società che forniscono servizi informatici; società che erogano servizi televisivi a pagamento.

    L’Autorità ha precisato che l’elenco sopra evidenziato ha natura esemplificativa e non esaustiva, pertanto la scelta della nomina nel DPO postula comunque una valutazione da parte del titolare del trattamento in ottemperanza la principio di accountability.

    Possono esimersi:

    • le società individuali,
    • i singoli professionisti,
    • gli agenti e rappresentanti,
    • le società piccole e micro, quelle familiari e quelle medie imprese, con riferimento ai trattamenti dei dati personali esclusivamente connessi alla gestione corrente dei rapporti con fornitori e dipendenti.

    Perché è importante nominare un DPO

    Nominare un DPO, anche quando non è obbligatorio, apporta numerosi benefici all’organizzazione aziendale e alla sua produttività.

    Il DPO, infatti, nella qualità di “consulente” specializzato, pone la propria competenza e le proprie conoscenze a vantaggio esclusivo dell’azienda, aiutando l’imprenditore a perfezionare ogni processo operativo.

    Tramite l’ausilio del DPO l’azienda può creare dei processi di trattamento dati efficaci ed efficienti, aggiungendo valore sia in termini di produttività che in termini di sicurezza e reputazione. 

    Parla con un esperto…

    Se non sei sicuro del processo di nomina di un DPO o se hai bisogno di maggiori informazioni sul servizio di DPO esterno, contatta uno dei nostri esperti, senza alcun impegno.

    Edit Content

    Richiedi una Consulenza

    Ti offriamo 20 minuti di consulenza telefonica gratuita e senza impegno per rispondere alle tue domande sulla privacy nella tua azienda.